Master o Slave: configurare i dispositivi EIDE


Tutti i computer presentano nella scheda madre due ingressi per collegare altri tipi di unita' (masterizzatori, lettori cd-dvd e hard disk); vi sarebbe anche un terzo ingresso, quello relativo al floppy, ma per questo articolo non e' rilevante e si puo' tranquillamente ignorare.

Questi ingressi sono chiamati canali EIDE e ognuno di essi puo' gestire fino a un massimo di due unita'.

I canali sono etichettati come primario e secondario. Le unita' collegate ai canali EIDE sono individuate dallo stesso nome.

La prima unita' connessa al canale EIDE primario e' chiamata master primario, la seconda slave primario; cosi' anche per il secondo canale EIDE.

La ragione alla base di questa terminologia e' semplice: un computer puo' avviarsi a partire da un sistema operativo memorizzato all'interno dell'unita' master primaria.

Tutte le unita' possiedono un "jumper" che consentono di impostarle come master o slave, per lavorare parallelamente ad altre unita'.

Il "jumper" e' un ponticello esternamente di plastica da collocare in una determinata posizione (diversa a seconda del produttore dell'hardware) su una serie di pin presenti nel retro dei dispositivi (per esempio negli hard disk si trova tra la connessione dell'alimentazione e quella del canale EIDE).

Due unita' di tipo master su uno stesso canale generano confusione all'interno del computer, non consentendo a quest'ultimo di rilevare correttamente eventuali altre unita'.

Ultimo aggiornamento: 02/01/2010
Copyright 2000-2014 Parlandosparlando