Carpe diem di Quinto Orazio Flacco

Orazio a Taranto
Quinto Orazio Flacco - carpe diem
Quinto Orazio Flacco

L’ode parla a Leuconoe, forse una delle donne amate dal poeta o forse un personaggio di fantasia, che rappresenta tutti gli uomini e le donne.

Nella lirica vi e’ tutta l’espressione della saggezza oraziana nata dalle esperienze di vita del poeta stesso. Il tempo che trascorre inesorabile, carpe diem: “mentre parliamo, gia’ sara’ fuggito il tempo invidioso“, ci ricorda Orazio.

Leggi tutto

Condivisione

0Shares
0 0

Robert Francis Kennedy: Il benessere di una nazione

Robert Francis Kennedy

Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni. Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow-Jones, né i successi del paese sulla base del prodotto interno lordo (PIL)…

A tutti i bambini adottati

Genitori con bambino (statua Hrobakova street Bratislava)

Pensiero di un anonimo per i bambini adottati. C’erano una volta due donne che non si erano mai incontrate, la prima che non ricordi, l’altra che chiami mamma; due vite diverse nel compimento di una sola… La Tua. La prima…