ParlandoSparlando

Testi e canzoni di Toto'

(Antonio De Curtis)


Malafemmina

Versi e musica di Antonio De Curtis

Si avisse fatto a n'ato
chello ch'e fatto a mme
st'ommo t'avesse acciso,
tu vuò sapé pecché?

Pecché 'ncopp'a sta terra
femmene comme a te
non ce hanna sta pé n'ommo
onesto comme a me!...

Femmena
Tu si na malafemmena
Chist'uocchie 'e fatto chiagnere..
Lacreme e 'nfamità.

Femmena,
Si tu peggio 'e na vipera,
m'e 'ntussecata l'anema,
nun pozzo cchiù campà.

Femmena
Si ddoce comme 'o zucchero
però sta faccia d'angelo
te serve pe 'ngannà...

Femmena,
tu si 'a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t'odio
nun te pozzo scurdà...

Te voglio ancora bene
Ma tu nun saie pecchè
pecchè l'unico ammore
si stata tu pe me...

E tu pe nu capriccio
tutto 'e distrutto,ojnè,
Ma Dio nun t'o perdone
chello ch'e fatto a mme!...

Per molto tempo si è creduto che questa canzone Totò l'avesse scritta per Silvana Pampanini, che aveva conosciuto sul set di "47 morto che parla", colpevole di aver rifiutato la proposta di matrimonio che il Principe le aveva fatto. In realtà la canzone fu scritta e "dedicata" alla moglie Diana rea di essere venuta meno ad una promessa che i due coniugi si erano scambiati: anche se ufficialmente separati dovevano convivere nella stessa casa fino al raggiungimento del diciottesimo compleanno della figlia Liliana. Ma Diana stanca delle continue scappatelle di Totò, sposò l'avvocato Tufaroli facendo sprofondare il Principe nello sconforto assoluto.

Torna indietro


Carme' Carme'

Versi e musica di Antonio De Curtis

Pure st'anno 'a primmavera,
me trasuto dint'o core
cu na smania'e fa l'ammore
cu nu fuoco 'e giuventù,
quanno veco a na figliola,
me va o sango dint'a ll'uocchie
po' me tremmano 'e denocchie
e nun garro niente cchiù?

CARME'CARME',
Tu sola nun ma basta,
me ce ne vonno tre,
CARME'CARME',
i' songo 'e bona pasta
V'accuntento a' tutte' e ttre.
CARME'CARME',
Io nun'o faccia apposta,
e tu chesta ll'he 'a sapè,
CARME'CARME',
lo tengo a capa tosta,
tosta, tosta
comma 'a chè.

Per ogni uomo, tre mugliere
steva scritto, int'o giurnale
mo na legge speciale
faciarranno 'e ssaie pecchè,
pecchè l'uommene so' poche,
mentre a donna e in abbondanza
me ne voglio fa na panza,
n'ti ddoie a fore 'e te.

CARME'CARME',
Tu sola nun ma basta,
me ce ne vonno tre,
CARME'CARME',
i' songo 'e bona pasta
v'accuntento 'a tutte 'e ttre;
CARME'CARME',
i' nun 'o faccia apposta,
e tu chesta ll'he 'a sapè,
CARME'CARME',
lo tengo a capa tosta,
tosta, tosta comm'a chè.

Torna indietro


Miss, mia cara miss

Versi e musica di Antonio De Curtis

La incontrai per caso a Messina,
proveniva da Canicattì
prese posto sulla littorina,
che partiva gremita quel di
Al mio sguardo, ben chiaro e palese,
sorridendo rispose di sì
Allora io, col mio nobile inglese,
sottovoce le dissi così:

Miss, mia cara Miss,
io faccio il fesso
ma fesso non so'
Miss, mia dolce Miss
son genuflesso ai tuoi piedi però
Insisto e cantoti
quel canto che sai tu
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù"
Miss, mia cara Miss,
faccio a scummessa
che tu sai già cos'è
Miss, mia cara Miss,
tu l'hai capito
io che voglio da te

Miss, mia cara Miss,
nu cuoppo allesse
io divento pe' te
Miss, mia dolce Miss,
scaveme a fossa
ca io moro pe tte
Perdonami se cantoti
quel canto che sai tu
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù"
Miss, mia cara Miss,
faccio a scummessa
ca io mi sposo a tte
Miss, mia dolce Miss,
io voglio il bis e,
tu già sai di che.

La baciai, mi baciò; ci baciammo,
stretti stretti abbracciati così
per un'ora e tre quarti filammo
tutt'assieme sparò mezzodì
Or mi scrive una lettera al mese
e mi dice: «Mio caro mimì,
io rispondo al tuo nobile inglese
ma però nun riesco a capi'

Torna indietro


La mazurka di Totò

Versi e musica di Antonio De Curtis

Quando sei solo e giovane
quanti sogni in fondo al cuore...
ti senti triste e povero
se la vita è senza amore.

Prendi la fisarmonica,
fai dischiudere un balcone
e a una bella signorina
canta una canzone su per giù così:

"Mia bella signorina
che ascolti lassu'...
socchiudi gli occhi e sogna
socchiudi gli occhi e sogna...
un giovanotto e un cuor,
che ti piace di più...
e ad altro non pensare
finchè c'è la gioventù...

Sogna di una tua casetta
e un bel chiaro di luna...
sogna un bel pupo biondo
o una bambola bruna...
Mia bella signorina
che ascolti lassù...
socchiudi gli occhi e sogna
finchè c'è la gioventu'..."

Torna indietro


Core analfabeta

Versi e musica di Antonio De Curtis

Stu core analfabeta
te lle purtato a scola
e se mparato a scrivere,
e se mparato a lleggere
sultanto 'na parola
Ammore e niente cchiu'.

Ammore,
ammore mio si tu,femmena amata.
Passione,
passione ca sta vita daie calore.
Quanno te vaso a vocca avvullutata,
chistu velluto m'accarezza 'o core,
stu core,
ca tu pa' mano lle purtato a scola,
e se mparato a scrivere,
e se mparato a leggere...
Ammore e niente cchiu'.

Stu core analfabeta
mo soffre e se ne more
penzanno ca si femmena
e te putesse perdere
e perdere ll'ammore
ca lle mparato tu.

Giuremo ancora ca tu si dda mia
primma che me ne moro 'e gelusia.
Passione,
suspira 'o core mio femmena amata,
tu lle mparato a scrivere,
tu lle mparato a leggere...
Ammore e niente cchiu'.

Torna indietro


Nun si na femmena

di Bonagura - De Curtis

Quanto sò belle sti manelle 'e fata
quanto sò belle st'uocchie tuie curvine
e chesta chioma nera e avvellutata
pare na massa 'e file 'e seta fine.

Gnernò, nun sì na femmena,
tu sì na cesta 'e rose
sì nu canisto 'e fravule addirose;
Gnorsì, te l'aggia dicere
ca 'nterra sì na stella
tu sì na scarda 'e femmena,
sì troppo bella, bella ojne'.

'A primma vota ca t'aggio 'ncuntrata
nu lampo me sentette 'e venì 'mpietto
e 'ncapa a mme penzaie mo chisto è stato
'o Pateterno a farme stu dispietto.

Gnernò, nun sì na femmena,
tu sì na meraviglia
ma comm' 'a fatto mammeta sta figlia;
Gnorsì, te l'aggia dicere
ca sì na melodia
tu sì 'a cchiù bella musica,
d' 'a vita mia, spusate a mme.

S'io fossi 'o presidente 'e na giuria,
senza pensarce 'ncoppa t'eleggesse
l'unica Miss 'e tutta 'a vita mia
e forte dint' 'e braccia t'astrignesse.

Gnernò, nun sì na femmena,
tu sì na tentazione
si 'nu supplizio sì na dannazione;
Gnorsì, te l'aggia dicere
ca sì na calamità peggio d' 'a bomba atomica
me lieve 'a vita, crideme a mme.

Torna indietro


Margherita

di Antonio De Curtis

Quanto sò belle sti manelle 'e fata
quanto sò belle st'uocchie tuie curvine
e chesta chioma nera e avvellutata
pare na massa 'e file 'e seta fine.

Gnernò, nun sì na femmena,
tu sì na cesta 'e rose
sì nu canisto 'e fravule addirose;
Gnorsì, te l'aggia dicere
ca 'nterra sì na stella
tu sì na scarda 'e femmena,
sì troppo bella, bella ojne'.

'A primma vota ca t'aggio 'ncuntrata
nu lampo me sentette 'e venì 'mpietto
e 'ncapa a mme penzaie mo chisto è stato
'o Pateterno a farme stu dispietto.

Gnernò, nun sì na femmena,
tu sì na meraviglia
ma comm' 'a fatto mammeta sta figlia;
Gnorsì, te l'aggia dicere
ca sì na melodia
tu sì 'a cchiù bella musica,
d' 'a vita mia, spusate a mme.

S'io fossi 'o presidente 'e na giuria,
senza pensarce 'ncoppa t'eleggesse
l'unica Miss 'e tutta 'a vita mia
e forte dint' 'e braccia t'astrignesse.

Gnernò, nun sì na femmena,
tu sì na tentazione
si 'nu supplizio sì na dannazione;
Gnorsì, te l'aggia dicere
ca sì na calamità peggio d' 'a bomba atomica
me lieve 'a vita, crideme a mme.

Torna indietro


Baciami

di Antonio De Curtis

Sapessi com'è dolce amore mio,
amare te... luce degli occhi miei.
Dolcissima realtà d'un sogno sei:
Sogno d'amore e di felicità!...

Baciami,
mi voglio dissetare nel tuo amore
bruciante è il desiderio dei tuoi baci
sulle mie labbra ancora c'è il sapore.

Baciami,
rapito dal profumo del tuo amore,
voglio morire con le tue carezze...
fammi sentire i palpiti del cuore.

Mentre le nostre bocche in una sola
si fondono con languida dolcezza
al Dio Amore l'anima s'immola
La storia eterna dell'umanita'.

Stringimi,
stringimi forte forte, amore mio.
Sussurrami pian piano tante cose
dimmi che mi ami come t'amo io...
dimmi che tutto... tutto sei per me!...

Mina e Toto'

Torna indietro


Piccerella, piccerè

di Antonio De Curtis

Si nata comme a me napulitana
ma 'mpietto tien' 'o core furastiero,
mo c' 'o blue-jeans fai l'americana
e t' he 'mparata a ddì pure Y LOVE YOU.

Piccerè, piccerè,
tu si nata dint' 'o vico 'e Scassacocchio,
Piccerè, piccerè,
nun te credere ca i' sò nu battilocchio;
i' te saccio e te strasaccio,
tu si 'a figlia 'e Mastu Ciccio
ca venneva int' 'a Arenaccia
pesce fritto e baccalà
mo vuò fà Miss Universo,
tu si nata 'o mese 'e marzo,
sient' a me ca è tiempo perzo,
va, vattene addu mammà
Piccerè, piccerè,
cagne strada, cagne strada,
siente a me.

Vuò fà tremila cose ogne mumento,
c' ' o motoscafo 'o sci pe 'ncoppa all'acqua,
'o sabato po' vai a fà 'o week-end
e te trattiene fin' 'o lunnedi.

Piccerè, piccerè,
tu si nata dint' 'o vico 'e Scassacocchio,
Piccerè, piccerè,
nun te credere ca i' sò nu battilocchio;
i' te saccio e te strasaccio,
tu si 'a figlia 'e Mastu Ciccio
ca venneva int' 'a Arenaccia
pesce fritto e baccalà
mo vuò fà Miss Universo,
tu si nata 'o mese 'e marzo,
sient' a me ca è tiempo perzo,
va, vattene addu mammà
Piccerè, piccerè,
cagne strada, cagne strada,
siente a me.

Nino Taranto

Torna indietro


Filome'

di Antonio De Curtis

Quando sto vicino a te,
Filomè, Filomè
io divento asmatico,
'mpiett' 'o core sai che ffa,
zompa 'a cca, zompa 'a lla,
ogni botta fa ta ta.
Se pranziamo tete-a'-tete,
'mbocca a te, 'mbocca a me,
questo è sistematico,
non capisco niente più,
vedo giallo e dico: è blu,
ti domando come fu,
tu rispondi su per giù

Tu sei bella, troppo bella,
quel che c'hai io non lo so,
tieni 'a capa ca è na palla,
tieni 'a sguessera 'e Toto'.
A baciarti ho fatto il callo
e non mangio da quel di,
cu na fella 'e muzzarella
stongo fin' 'o lunnedi.

Filomè, Filomè, Filomè,
sono un uomo e non sono un marmocchio,
Filomè, Filomè, Filomè,
se ti guardo barcollo e sconocchio,
Filomè se sconocchio e barcollo
barcollo e sconocchio soltanto per te.

So che viene appresso a te,
Filomè Filomè,
un signore strabico,
se lo incoccio a spasimà,
sparo a te, sparo a me,
sparo pure a chillu lla'.
Son geloso e lo sai ben,
Filomè Filomè,
che mi mangio il fegato,
a Chianciano me ne andrò
ma la cura non la fo,
per dispetto mangerò fegatini di ..,
uova dure e un rococò

Meglio se nc'appizza 'a pelle
che a campar senza il tuo amor,
quanno chiove 'nzerro 'o 'mbrello,
piglio pure il raffreddar.
Come vedi il dado è tratto,
nun me 'mporta c'aggia fà,
tengo 'a scabbia e nun m' 'a gratto
e me moro 'e m' 'a gratta'.

Filomè, Filomè, Filomè,
sono un uomo e non sono un marmocchio,
Filomè, Filomè, Filomè,
se ti guardo barcollo e sconocchio,
Filomè se sconocchio e barcollo
barcollo e sconocchio soltanto per te.

Nino Taranto

Torna indietro


Nemica

di Antonio De Curtis

T'aggio vuluto bbene overamente,
tutt'aggio fatto pe t'accuntentà,
st'ammore mio nun te cercava niente
e tu m' 'e dato l'infelicita'.
Tutt' 'e fatiche meie t'aggiu spennuto
chello ca tu vulive là per là
vestite, oggetti, me sò appezzentuto...
e nun 'o dico pe t' 'o rinfaccia'.

Nemica,
me dicive ammore mio,
io t' 'o giuro annanze a Dio
voglio bbene sulo a te.
Nemica,
io credevo a sta buscia
ch'era tutt' 'a vita mia
nce credevo e sai pecche'.
Nemica,
cu sta faccia accussì bella
cu sti modi 'e santarella
nun putevo mai sapè,
nemica,
ca purtavo na nemica
dint' o core comm'amica
na nemica comm'a te.

E mo tutt' è fernuto, si cuntenta
che male ancora me vulisse fà,
qual'ata cattiveria mo te tenta
nun t'è bastato che m' 'e fatto gia'.
Te si scuperta ca si malamente
ca si na 'nfama nata pe 'nganna'.

Però vaco dicenno a tutt' 'a gente
c' 'a vocca toia nun m' 'a pozzo scurda'.

Nemica,
me dicive ammore mio,
io t' 'o giuro annanze a Dio
voglio bbene sulo a te.
Nemica,
io credevo a sta buscia
ch'era tutt' 'a vita mia
nce credevo e sai pecche'.
Nemica,
cu sta faccia accussì bella
cu sti modi 'e santarella
nun putevo mai sapè,
nemica,
ca purtavo na nemica
dint' o core comm'amica
na nemica comm'a te.

Roberto Murolo

Torna indietro


Luntano 'a te

di Antonio De Curtis

Me sò 'mbarcato a bbuordo a nu vapore
pe me scurdà na brutta 'nfamita'.
Na femmena birbante e senza core,
m'ha miso 'ncopp' 'o punto 'e me danna'.

E mo, ca stongo 'nterra furastiera
luntano, nun l'avesse cchiù penza'...
Io chiagno tutt' 'o juorno, e quanno à 'a sera,
m'addormo stanco muorto d' 'a chiamma'.

Luntano 'a te, quanta malincunia;
luntano 'a te, gnornò nun pozzo sta'.
St'ammore, ojnè, comme na malatia
me struie; aimè, certo m'acciderà!
Tu si felice; 'o saccio, mo
vuò bbene a n'ato:
e t' 'e scurdate tutt' 'e vase
date a mme?
Luntano 'a te, io moro 'e gelusia;
luntano 'a te nun pozzo cchiù campà!

Vurria turnbà, ma po' me dice 'o core:
ojh giuvinotto amante nun turnà
chella mo dorme 'mbraccio a n'ato ammore,
'o nomme tuio s'è scurdato gia'.

Nun t' 'a piglià, ch' 'a colpa nun è 'a soia;
quanno è destino, nun se pò cagnà!...
nun c 'è che fà si chesta è 'a croce toia
portala cu pacienza e carita'.

Franco Ricci

Torna indietro


Napule, tu e io

Versi di Antonio de Curtis musica di Vittorio Cannavale

Io voglio bene a Napule
pecchè 'o paese mio
è cchiù bello 'e na femmena,
carnale e simpatia.
E voglio bene a te
ca si napulitana
pecchè si comm'a me
cu tanto 'e core 'mmano.
Saje scrivere, saje leggere
parole 'e passione;
saje ridere, saje chiagnere
sentenno na canzona.
Napule, tu e io...
simme tre 'nnammurate:
simmo na cosa sola,
gentile e appassiunata.
Nuie simmo 'e figlie 'e Napule,
Vommero, Margellina :
quanno se dice "Napule"
s'annomena 'a riggina!

Paola Maddalena

Torna indietro


Aggio perduto ammore

di Antonio De Curtis

Ammore perduto, pecché m'he lassato?
Pecchè si fujuto? Rispunne, pecchè?-
Ammore perduto, rispunne a stu core.
Pecché rieste muto?
Dimmelo 'o pecchè?

Aggio perduto ammore pe na fatalità,
mpietto me chiagne 'o core:
nun se pò rassegnà!
Stu core ca pareva indifferente,
c' 'o bene tuio nun le 'mpurtava niente,
mo c 'ha perduto ammore
che pena ca me fa,
soffre pe stu dulore,
pe sta fatalita'.

Ammore perduto, i' t'ero truvato,
nun aggio saputo tenerte cu mme,
ammore perduto, m'ha ditto stu core
ca tarde ha saputo tu ch'ire pe mme.

Aggio perduto ammore pe na fatalità,
'mpietto me chiagne 'o core:
nun se pò rassegnà!
Stu core ca pareva indifferente,
c' 'o bene tuio nun le 'mpurtava niente,
mo c'ha perduto ammore
che pena ca me fa,
soffre pe stu dulore,
pe sta fatalita'.

 

Torna indietro


Casa mia

di Antonio De Curtis

Dint'a sta casa mia
quanto nce stive tu
rignava l'allegria
surriso e giuventu'.
'A che te ne si ghiuta
nun ce resisto cchiù,
sta casa è triste e muta
pecchè nce manche tu.

Aggio restate 'e cose
comme nce fusse tu
sta casa è chiena 'e rose
ma tu nun tuorne cchiu'.
Rose d' 'a loggia mia
profumo 'e giuventù
mo pe sta pucundria
nun addurate cchiu'.

Casa mia
stammo purtanno 'o lutto tutt' 'e duie
'ncore tenimmo na malincunia
cumm' 'a brutta freva ca nce struie
e lentamente nce farrà muri'.
Casa mia,
comm'era bello quanno a voce soia
spanneva dint'a ll'aria n'armunia
sta gioia era da mia, ma pure 'a toia
gioia ca nun putimmo cchiù sentì.

 

Torna indietro


Che me diciste a ffà

di Antonio De Curtis

Io campavo, ero felice
senza ammore e senza 'e te;
mo ce vo, comme se dice,
me sentevo cchiù 'e nu rre.
Ma na sera te 'ncuntraie
mentre ascevo 'a nu cafè
e, guardannete, penzaie:
"Sta bellezza è pe nu rre!"

Che me diciste a ffà "Te voglio bene",
che me 'mparaste a ffà che d' è l'ammore?
Pecchè mittiste 'o ffuoco int' a sti vvene?
Pecchè tu me 'mparaste a suspirà?
E mo che 'e te me songo 'nnammurato,
ammore mio, pecchè me vuò lassà?
'0 saccio, vai dicenno: "Aggio pazziato:
è stato nu capriccio, passarrà!".
Che me diciste a ffa': "TE VOGLIO BENE"
si chistu bene è n'infelicità?!

 

Torna indietro


Con te!

di Antonio De Curtis

Sapessi coni' è dolce
amarti, amore mio:
quello che provo io
tu non lo puoi saper.
Quando ti stringo al petto
un fremito m'assale
fino a sentirmi male
un male ch' è un piacer.

Vorrei vivere con te,
con te, con te tutta la vita
vorrei fremere con te,
con te, con te gioia infinita.
Vorrei perdermi con te,
con te, con te nel fuoco ardente
vivere e morir d'amor
con te, con te, con te.

M'incantano quegli occhi,
mi struggono i tuoi baci,
se piangi, ridi, o taci
sei tanto bella, amor.
Racchiusa nel mio cuore
porto con gelosia
te che sei tutta mia,
unico mio tesor!

Vorrei perdermi con te,
con te, con te nel fuoco ardente
vivere e morir d'amor
con te , con te, con te.

Torna indietro


Dai, dai bambina

di Antonio De Curtis

Disse Cirano: "Che cosa è un bacio?:
un giuramento fatto dappresso".
Lo disse a mezzo del buon Cristiano,
e la Rossana subito aderì

Dai, dai bambina,
dammi un bel bacione
via, non dirmi no.
Io son qui, tutto qui,
son qui per te.
Ma cosa aspetti?
Se ti piaccio
non capisco,
ancora non lo so.

Baciami, stringimi forte forte a te.
Tra le mie braccia amore, con dolcezza
ti sentirai una divinita'.
Fra un bacio lungo, ardente, o una carezza
saprai che cosa è la felicita'.
Dai, dai bambina,
che la vita è breve
oggi tocca a te.

Lo sai tu? Gioventù
passa e se ne va.

 

Torna indietro


Ddoie strade

di Antonio De Curtis

Ogni sera dint' a ll'ombra
io t'aspett'inutilmente,
ogni sera puntualmente
e' 'a speranza 'e te vede'.

Tu cammin' 'e chest' 'o saccio
pe na via longa e stramana
ca te porta cchiù luntana
ca t'ha fatto scurdà 'e me.

Io nun me scordo no, io tengo a mmente
'o bbene e 'o mmale 'e sta passion'amara,
e amara comme si tu mme si cara
cchiù cara 'e nu tesoro si pe mme.

Ma che te 'mporta a te si sto suffrenno
pe stu cammino ca me da dulore,
cchiù alluong' 'o passo e cchiù scarpese 'o core:
stu passo tuio ca s'alluntan' 'a me.

 

Torna indietro


Uocchie ca me parlate

di Antonio De Curtis

Chist'uocchie tuoie che cagnano
culore ogne mumento
so belle quanno chiagneno,
so chine 'e sentimento,
comm' a ddoie fiamme ardente
songo stelle lucente
ca tiene nfronte tu!

Uocchie ca me parlate,
dicitincello a chi ve tene 'nfronte
ca quanno me guardate
me sbatte 'o core 'mpietto comm' a cche...
Uocchie ch'annammurate,
vuie site 'a luce 'e tutta 'a vita mia...
Dicitelo a Maria
ca senza 'e 'st'uocchie nun pozzo campà!

Chist'uocchie tuoie ca parlano
direttamente o' core
parole ca 'ncatenano, sulo parole ammore,
chist'uocchie ca 'ncantano
comme te 'ncanta 'o mare,
songo ddoje cose rare,
chesti ddoje luce blù!

Uocchie ca me parlate,
dicitincello a chi ve tene 'nfronte
ca quanno me guardate
me sbatte 'o core 'mpietto comm' a cche...
Uocchie ch'annammurate,
vuie site 'a luce 'e tutta 'a vita mia...
Dicitelo a Maria
ca senza 'e 'st'uocchie nun pozzo campà!
Chist'uocchie tuoie me parlano
direttamente 'o core.

 

Torna indietro


Dincello, mamma mia

di Antonio De Curtis

Oggi mamma m'ha ditto:
guardeme 'nfaccia e dimme 'a verità,
te veco triste e afflitto
figlio mio bello dimme c'aggia fà?
Parla sinceramente
io te sò mamma e nun me puo ngannà,
rispunne onestamente
si vuo fà pace nce vaco io a parla'.

Dincello mamma mia
c' 'a voglio sempe bene,
c' 'a porto dint' 'o core,
c' 'a tengo dint' 'e vene,
è tutta 'a vita mia
nun m' 'a pozzo scurdà,
sta femmena è d' 'a mia
essa ha da riturna'.

Mammema nci ha parlato
ll'a ditto piccerè tu che vuò fà?
Pecchè ll'he abbandonato,
figlieme senz' 'e te nun pò campa'.
Povera mamma mia
comme na santa ll'he ghiuta a prià,
ritorna figlia mia
songo na mamma e nun m' 'o può annia'.

Dincello mamma mia
c' 'a voglio sempe bene,
c a porto dint' 'o core,
c' 'a tengo dint' 'e vene,
è tutta 'a vita mia
nun m' 'a pozzo scurdà,
sta femmena è d' 'a mia
essa ha da rituma'.

 

Torna indietro


Ischia mia!

di Antonio De Curtis

Fra tante belli cose c'ha criato
'o Padreterno 'ncopp' a chesta terra,
na cosa ha fatto che nce s'è spassato:
immiez' a nu golfo nu pezzullo 'e terra.
E 'ncoppa a chesta terra profumata,
c'addora 'e pace e regna na quieta,
chest'isola da tutte decantata,
te ce ha piazzato pure na pineta.

Ischia, paraviso 'e giuventù,
Ischia, chistu mare è sempre blu!
Chistu cielo ch'è n'incanto,
chistu golfo ch'è nu vanto
chesto 'o tiene sulo tu!
Sti bellizze songhe 'o vero!
Chesto 'o dice 'o forestiero,
ca scurdà nun te pò cchi&ugrave.

'A primma vota ca nce sò venuto
'ncopp' a stu scoglio d'oro illuminato,
senza parola sò rimasto, e muto
pe chesta spiaggia me sò 'ncammenato...
Vedenno cu 'o due pezzi sti ffigliole,
'a verità?, so asciuto d' 'o sentiero:
i' ch'ero già mbriaco 'e mare, 'e sole,
overo, sì, aggiù fatto nu pensiero...

 

Torna indietro


L'ammore avess' 'a essere!....

di Antonio De Curtis

L'ammore avess' 'a essere
na cosa fatta 'e zucchero
na cosa doce e semplice
tutta sincerita':
duje piette ca sospirano;
doje vocche ca se vasano;
duje core ca s'abbracciano
fino all'eternità!

L'ammore è na cosa magnifica,
è comm'a 'na musica:
So nnote 'e viuline ca 'mpietto
accarezzano ll'anema...
o' bbene ca scenne int' 'e vvene
cchiù ddoce 'e nu balzamo,
è chistu 'o miraculo 'e sempe
d' 'a giuventù!

 

Torna indietro


Abbracciato cu tte

di Antonio De Curtis

Quanno te veco
for' 'o balcone
mme vene a mente
cchisà pecchè
quanno 'e rimpetto
stevo 'o puntone
appuntunato pe te vede'.E mmo ca si dda mia pe tutta a vita
nun cerco niente cchiù, mo tengo a te.

Quando int' 'e bbraccia forte t'astregno a mme
sento 'o profumo da vocca toia che dè
na primmavera ca 'mbriaca 'o core
na smania e te vasà, chest' è ll 'amore.
Capille 'e seta, uocchie 'e velluto, tu,
si 'a vita mia, tu si ll'amore,
tu solamente tu.

Te voglio bbene,
songo felice
quando abbracciata
tu staie cu mme.
'0 core 'mpietto
me parla e dice
ca sbatte forte
sulo pe tte.
Sunnanete me sceto 'a dint' 'o suonno
e canto 'o sole mio sta 'nfronte a tte.

 

Torna indietro


Mammarella

di Antonio De Curtis

Mo scura notte... che malinconia...
Nisciuno cchiù cammina pe sta strada!
nemmeno 'a luna me fa cumpagnia,
pur essa s'è vutata contro a mme!

Mammarella...

Mammarella 'e chistu core,
pure tu te ne si ghiuta!
Aggiu fatto mille vute...
e tu sola saie pecchè!

Na figliola...

Na figliola m'ha lassato,
comm'a tte m'abbandonato;
tu nun si turnata cchiu'...
essa manco torna cchiù!...

Si stesse a me vicino mamma mia
m'alleggeresse 'e pene 'e chistu core.
Stu tuosseco, sta smania, sta pazzia,
me ponno eternamente fa danna'.

Mammarella...

Mammarella 'e chistu core,
pure tu te ne si ghiuta!
Aggiu fatto mille vute...
e tu sola saie pecchè!

 

Torna indietro


Maria Rosa

di Antonio de Curtis

Dint' 'o vico Paraviso
sta nu sciore 'e giuventù,
ca se chiamma Maria Rosa,
si 'a vedite è nu bijou.
Na faccella 'e cera fina
cu nu pare d'uocchie bblu,
na vucchella curallina;
nè, vulite niente cchiù?

Maria Rosa, Maria Rosa, Maria Rosa,
tene belle, tene belle,
tene belle tutt' 'e ccose...
Tutt' 'e ccose 'e Maria Rosa,
songhe belle, songhe fresche,
songhe amabile e azzeccose...
'Mpont' 'o musso, ddoie cerase:
rosse rosse comm'a cchè
sò cerase 'e mille vase
ca me fanno stravedè!

Cu 'nu muorzo, mamma mia che bella cosa
me magnasse sti cerase 'e Maria Rosa.

Tengo pronto pure 'a casa
'nmiez' 'a piazza d' 'o Gesù,
Mo m'accatto 'o lietto 'e sposa,
tutt' 'e mobbil' 'e Cantu'.
I' c' 'o ddico tutt' 'o juorno
quanno stammo a tu per tu:
Mariarò, aggio perzo 'o scuorno,
Mariarò, salveme tu!

Maria Rosa, Maria Rosa,
tene belle, tene belle tutt' 'e ccose,
tutt' 'e ccose 'e Maria Rosa
songhe belle, songhe fresche e sò addirose.
Cu stu pietto a manticetta...
sfugliatelle, ma cche ssò,
mo se schiatta 'a cammicetta,
io mo moro, Mariar'.

Cu 'nu muorzo, mamma mia che bella cosa,
me magnasse 'e sfugliatelle 'e Maria Rosa.

 

Torna indietro


Margellina blu

di Antonio De Curtis

'E sera, Margellina è nu brillante,
lucente comme luce nu bisciù
è 'o paraviso 'e tutt' 'e ccoppie amante,
nu paraviso 'ncopp'a ll'acqua blu.

Femmene belle e cammesett' 'e lino.
Canzone, appassiunate 'e giuventù
cantate cu chitarre e manduline...
Chesta visione nun t' 'a scuorde cchiu'.

Margellina!
Paraviso d' 'e 'nnammurate...
Margellina...
Sta marina: te fa parè
chesti bbarche, chisti scoglie,
profumate d'erba 'e mare:
che s'addormono appuiate
'ncopp'a nu cristallo blu...
Margellina!
Sta canzone 'a siente tu:
ca si 'e Napule 'a riggina,
si 'a cchiù bella Margellina...
Margellina e niente cchiu'.

'0 mare 'e Margellina è n'atu mare,
quanno ll'he visto nun t' 'o scuorde cchiu'.
Chest'acqua ca guardannola te pare
nu specchio trasparente, na virtu'.
Chistu brillante, illuminato 'e sole,
Napule mia 'o tiene sulo tu...
Stu cielo, chistu mare e sti figliole
songh' 'e tesor' 'e tutt' 'a giuventu'.

Margellina!
Paraviso d' 'e 'nnammurate...
Margellina...
Sta marina: te fa parè
chesti bbarche, chisti scoglie,
profumate d'erba 'e mare:
che s'addormono appuiate
'ncopp'a nu cristallo blu...
Margellina!
Sta canzone 'a siente tu:
ca si 'e Napule 'a riggina,
si 'a cchiù bella Margellina...
Margellina e niente cchiu'.

 

Torna indietro


Me songo annammurato

di Antonio De Curtis

Comm'è limpida sta fronte, porcellana trasparente,
statuetta e Capemonte comme 'o sole è stralucente,
e guardanno stu splendore, manammè, me sò accecato,
s 'è appicciato chistu core e me songo annammurato.

Me songo annammurato embè che nc'aggia fà,
me songo annammurato e m' 'a voglio spusa'.
Nun mangio cchiù, nun bevo cchiù, nun dormo cchiù
nun esco cchiù, nun traso cchiù, nient'atu cchiu'.
Me songo annammurato embè che nc'aggia fà,
me songo annammurato e m' 'a voglio spusa'.

Tengo pronto 'o letto 'e sposa, na cuperta tutta 'e raso
ddoie lenzola 'e seta rosa comm' 'e rose dint' 'o vaso,
nu quartino a Capemonte, tengo pure 'a Topolino,
tutt' 'e carte già sò pronte, nce spusammo a San Martino

Me songo annammurato embè che nc'aggia fà,
me songo annammurato e m' 'a voglio spusa'.
Nun mangio cchiù, nun bevo cchiù, nun dormo cchiù
nun esco cchiù, nun traso cchiù, nient'atu cchiu'.
Me songo annammurato embè che nc'aggia fà,
me songo annammurato e m' 'a voglio spusa'.

 

Torna indietro


Nce sò caduto

di Antonio De Curtis

Nun cunuscevo Ammore,
nun sapevo ched'è
Penzavo:chistu core
nun ll'adda maje sape'.
Ma quanno te 'ncuntraje,
senza sapè pecchè,
io me ne annammuraie;
e mmo sò pazzo 'e te.

So 'nnammurat' 'e te - so 'nnammurato,
e nun saccio pecchè - nce sò caduto:
forse è sta vocca toja ch'è profumata,
forse pe st'uocchie tuoje ca sò 'e velluto.
E mmo ca tu si o bbene 'e chistu bbene
si 'a luce, 'o sole, e ll'aria ca io respiro.
Chesta felicità mo m'appartiene
so 'nnammurat' 'e te ammore mio.

E mmo conosco ammore
e saccio chello che è
la sera conto ll'ore
pe m'abbraccià cu tte.
'E zucchero sti vase
so ddoce comm'a cchè
e quanno tu me vase
cchiù mmannammoro 'e te.

 

Torna indietro


Non voglio amare più

di Antonio De Curtis

Se ti dice la tua bella:
"T'amo tanto vita mia"
non t'illudere, che quella
è la prima sua bugia.
Se le dici: "Amore mio,
amerò sempre te sola"
ci scommetto vivaddio,
questo sull'onore mio,
che tu menti per la gola.

Non voglio amare più, non voglio amare;
l'amore è stato sempre un'avventura.
Non voglio amare più, non voglio amare;
l'amore a me fa tanta paura.

"Non voglio amare più, non voglio amare"
ho detto al cuore, al povero mio cuore.
"Non voglio amare più, non voglio amare;
non voglio darti più questo dolore".

Se ti dice: "Dalla sarta
sono andata" non è vero;
"Dalla mia cugina Marta
sono stata", c'è mistero.
"Ho comprato quest'anello"
ti dirà col suo candore:
stai tranquillo che per quello
brillantissimo gioiello
sotto c'è Commendatore.

"Non voglio amare più, non voglio amare"
lo dico sempre, si, ma non è vero;
"Non voglio amare più, non voglio amare"
non è la verità, non son sincero.

 

Torna indietro


'0 core tuio

di Antonio De Curtis

Stongo dint'a nu lietto
malato 'e pucundria,
cu nu dulore mpietto
pe tte Ninetta mia.

E tu cert' a chest'ora
'e me t' he già scurdato
mentr'io suffrenno ancora
me struio pensanno a tte.

'O core tuie 'nzieme 'o core mio
s'erano 'ncatenate tutt' e dduie
facenno na promessa 'nnanze a Ddio
pe tutt' 'a vita 'e nun se lassà cchiu'.

E invece mo stu core è condannato
a purtà 'o llutto 'e na persona viva.
Chiagne stu core e nun s'è rassignato
ca tu si viva e nun esiste cchiu'.

Mo porto int' a stu core
nu gelo 'e freva ardente,
gelo 'e nu trist'ammore
na freva malamente.

Stu core ha perdonato
'o mmale che m'he fatto
però nun s'è scurdato
chello ch'he fatto a mme.

'O core tuie 'nzieme 'o core mio
s'erano 'ncatenate tutt' e dduie
facenno na promessa 'nnanze a Ddio
pe tutt' 'a vita 'e nun se lassà cchiu'.

 

Torna indietro


Pe vint'anne

di Antonio De Curtis

Se dice 'a mala nova 'a porta 'o viento,
e 'o viento pe vint'anne m'ha purtato.
Diceva 'a mala nova, ogne mumento,
c' 'a fine 'e chist'ammore era accussi'.

Pe vint'anne aggio chiagnuto
tanta lacreme 'e dulore,
pe vint'anne aggio purtato
mille spade dint' 'o core:
chistu core sempe amante
'nnamurato comm'a che,
chistu core sanguinante
c'ha vuluto bene a te.

Femmena 'e tradimento e senza core
cu mmico nun si stata maie sincera:
tutt'aggio suppurtato pe st'ammore
vint'anne 'ncroce m' he 'nchiuvato tu.

Pe vint'anne aggio chiagnuto
tanta lacreme 'e dulore,
pe vint'anne aggio purtato
mille spade dint' 'o core:
chistu core sempe amante
innamorato comm'a che,
chistu core sanguinante
c'ha vuluto bene a te.

Chistu core sanguinante
ca vò bene ancora a te.
Scordatella core amante
chella nun è degna 'e te.

 

Torna indietro


Povero core mio

di Antonio De Curtis

Dopo tant'anne ammore m'ha lassato
e se n'è ghiuta comme fosse niente,
stu core galantomo ha disprezzato
pe n'ommo ca nun è cchiù meglio 'e me.
No, nun voglio suffrì pe chist'ammore,
a chistu core 'o dico ogni mumento,
truovat' 'a n'ata e scuorde stu dulore,
te songo amico e tu he 'a senti a me.

Povero core mio, povero core,
chesto capita a te ca sì Signore,
nun 'a penzà, t' 'o cerco per favore
'o vuò capì ca nun è degn' 'e te.
Chell'è na 'nfama e tu si nu Signore,
chell'è bugiarda e tu core sincero.
Si ancora vuò soffrì pe chist'ammore
chiagnie pe cunto tuio ca io mo sto allegro.

Aggio saputo ca mo s'è pentita,
ca vò turnà, ca chiagne e dice a gente
c'ha fatto pure 'o vuto a Santa Rita
che lle facesse 'a grazia 'e turnà a me.
Stu core mio, Signore, l'ha sentuto!
Perdonala, me dice, nun fa niente,
io nun risponno, no, io resto muto,
aggio deciso 'e penzà sulo a me.

 

Torna indietro


Rapallo

di Antonio De Curtis

E' una festa di colori
quando vien la primavera
a Rapallo tutti i fiori
sai mi parlano di te.

O mia bella forestiera
dagli occhi come il mare
io ricordo quando a sera
ti tenevo stretta a me.

O dolcissima Rapallo,
città d'oro illuminata
dai tramonti di corallo,
lo smeraldo del tuo mare
e l'azzurro del tuo cielo
ogni coppia fa sognare.
Del Tigullio sei la gemma,
paradiso degli amanti
dell'amore sei la fiamma.
A Rapallo c'è la vita,
c'è la gioia dell'amore,
la felicità infinita
a Rapallo puoi trovar...

 

Torna indietro


Felicita'

di Antonio De Curtis

Felicita',
vurria sapè ched'è chesta parola,
vurria sapè che vvò significà
sarrà gnuranza 'a mia, mancanza 'e scola
ma chi ll'ha 'ntiso maje annummena'.

Chitarra mia,
l'aggio vuluto bene e sulo tu
cunosce chisto ammore;
cumpagna mia,
venevo a cuntà a te 'ncopp' a sti ccorde
'e ppene 'e chisto core,
e mo ca essa ha pigliato n'ata via
che t'aggia cuntà cchiù chitarra mia.

Felicità,
m' ha ditt' 'o core mio
è na bucia,
te songo amico e dico 'a verità
l'ommo s'illude a chesto:è fantasia
e spisso crede ch'è na realta'.

 

Torna indietro


A chi non lo sapesse

di Antonio De Curtis

Voglio cantare a chi non lo sapesse
che sono innamorato di una donna,
voglio cantare a chi non lo credesse
ch'è bella com'è bella una Madonna.

Non so cambiar, mutar pensier
un giorno inter sempre a pensar
che sono innamorato d'una donna
ch'è bella com'è bella una Madonna.

Senza la dolce voce del violino
voglio cantare l'inno del mio amore,
senza chitarra e senza mandolino
perchè il mio canto l'accompagna il cuore.

Al ritmo ardente della mia passione
canto per te quest'ultima canzone.

Voglio cantare a chi non lo sapesse
che sono innamorato di una donna,
voglio cantare a chi non lo credesse
ch'è bella com'è bella una Madonna.

 

Torna indietro


Isola d'oro

di Antonio De Curtis

Alla piccola marina
c'è una piccola spiaggetta,
io ci vado ogni mattina,
guardo il mare e torno su,
puntualmente ogni mattina,
son vent'anni che ci vado,
alla piccola marina
per guardare il mare blu.

Tutti sognano un amore,
tutti amano una donna,
ma io porto qui nel cuore,
solo Capri e nulla piu'.

Capri tu sei la mia amante, l'amante del cuore,
isola d'oro incantata, sei terra d'amore,
solo da te si può avere la gioia infinita
di vivere e amare per sempre, per tutta la vita.

Sugli scogli d'ametiste,
coi riflessi di smeraldo,
quante cose si son viste,
quanta bella gioventù,
quando c'è la luna piena
è la festa dell'amore
ogni donna è una sirena
nello specchio d'acqua blu.

Solo a Capri puoi apprezzare
il gran dono della vita
puoi amare chi ti pare,
ama pure chi vuoi tu.

Capri tu sei la mia amante, l'amante del cuore,
isola d'oro incantata, sei terra d'amore,
solo da te si può avere la gioia infinita
di vivere e amare per sempre, per tutta la vita.

 

Torna indietro


Le Lavandou

di Antonio De Curtis

Je connais sur la mer de Provence
un petit coin qui sent bon comme tout,
trois syllabes d'azur qui me dansent
dans le coeur un appel des plus doux.

Au retour de ma mer lumineuse
a ma terre enviera le ciel fou.
Des parfums a l'essence amoureuse
au retour de ton cher Lavandou.

Oh! beau pays du Lavandou
pour voir revivre son reve,
oh! doux pays du Lavandou
pour voir aimer sans treve.

Voltiger sur ton ciel a la liesse
dans l'heure folle de la kermesse.
Une fois qu'on a vu ton image
reste au fond de leur epris.

Roule d'une valse comme un nuage
que l'heure du ciel inonde.
Semble sur l'eau
veilleur amant
des secrets paradis.

 

Torna indietro


T'aggia lassà

di Antonio De Curtis

'A te vurria sapè si chist'ammore
capriccio, desiderio: che sarrà?
'E vvote t'odio: se ribbella 'o core,
ma tutto passa si te faje vasa'.

T'aggia lassà,
ma 'o core nun mm' 'o 'ddice 'e te lassà
pecch&egrave...
'o vvuò sapè?
Tu sola po' che ffaje senza 'e me.
lo nun saccio stu bbene si è bbene...
nun saccio chede'.
Saccio sulo ca si staje luntana
io corre addu te...
... corre addu te.
Ma c'aggia fà,
viene addu me - turnammece a bbraccià
pecchè
sulo cu mme
tu siente chello ca sent'io pe tte.

Chesta bellezza toia me fa penà
e spissevote penzo 'e te lassa'.
Forse è sta gelusia ca me tortura
st'ammore ca nun me fa raggiuna'...

T'aggia lassà,
ma 'o core nun mm' 'o 'ddice 'e te lassà
pecche'...
'o vvuò sapè?
Tu sola po' che ffaje senza 'e me.
lo nun saccio stu bbene si è bbene...
nun saccio chede'.
Saccio sulo ca si staie luntana
io corre addu te...
... corre addu te.
Ma c'aggia fà,
viene addu me - turnammece a bbraccià
pecche' sulo cu mme
tu siente chello ca sent'io pe tte.

 

Torna indietro


Tapioca

di Antonio De Curtis

E' questa la tapioca
il passo dell'oca
ballando la tapioca
si gioca con l'amor.

Evviva la tapioca
che il sangue t'infoca
come il caffè moka
rinvigorisce il cuor.

E un ballo assai frenetico
simpatico sintetico,
me l'ha prescritto il medico,
ballatelo con me!

È questa la tapioca
il passo dell'oca
ballando la tapioca
si gioca con l'amor.

Tre ladruncoli un bel dì
si provarono a danzar
e una danza ne sortì
una danza da lanciar.

Un regista l'ascoltò,
in un film l'inserì
e lanciata fu così
dal simpatico Totò!

 

Torna indietro


Tu si tutto pe mme

di Antonio De Curtis

'A vita senz'ammore nun è vita
senza ll'ammore no, nun se pò sta;
ognuno adda tenè na calamita
sta calamita è na necessita'.

Tu si tutto pe mme
si a vita mia
chist'ammore nun è
na fantasia.
Tutt' 'o bbene 'e chistu bbene
anema 'e st'anema.
Tutt'ammore e chist'ammore
mio si tu.
Che farria senza te
passiona mia,
tu si tutto pe mme
si 'a giuventù,
campo sultanto pe tte,
suspiro e canto pe tte.
Tu si tutto pe' mme
si 'a giuventu'.

 

Torna indietro


Vocca e vocca cu' tte

di Antonio De Curtis

Vocca e vocca cu tte
comm'è ddoce st'ammore,
'nnammurato sò 'e te
pe ll'eternita'.
Tu nun può maie sapè
comme sbatte stu core
quanno staie 'mbraccio a mme
quanno t'aggia vasa'.
A vocca toia 'mpastata 'e mele e rrosa
mme 'mbriaca 'o core p' 'a felicità,
te sonno e dint' 'o suonno riposo
o desiderio 'e te mme fa sceta'.
Vocca e vocca cu tte
comm à ddoce st'ammore.

Torna indietro


Voglio campa' cu' tte

di Antonio De Curtis

Te vedette na matina
'ncoppa 'o trammo d' 'a Turretta
tu scenniste a Margellina
io scennette appriesso a tte;

Permettete na parola?
Ce mettemmo a ffà ammore,
Mo fa n'anno 'o tiempo vola
cumme vola a ffianco a tte.

Voglio campà cu tte ore e mumento,
voglio campà cu tte pe tutt' 'a vita
sempe cu tte, vicino a tte pe nun suffrì
io senza te, luntano 'a te pozzo muri'.

Voglio campà cu tte na vita sana
voglio campà cu tte sempe abbracciato
tu vase a me, io vaso a tte, sempe accussì
e ssaie pecchè? 'o vvuò sapè, pe nun muri'.

Dinto all'uocchie tiene 'o mare
mpont' 'o musso dduie curalle
è nu scrigno 'e perle rare
chesta vocca toia pe mme.

Quanno faie stu pizzo 'a rriso
io me sento ascì a 'mpazzia;
si mme vase 'mparaviso
me ne saglio 'mbraccio a tte.

Voglio campà cu tte ore e mumento,
voglio campà cu tte pe tutt' 'a vita
sempe cu tte, vicino a tte pe nun suffrì
io senza te, luntano 'a te pozzo muri'.

Voglio campà cu tte na vita sana
voglio campà cu tte sempe abbracciato
tu vase a me, io vaso a tte, sempe accussì
e ssaie pecchè? 'o vvuò sapè, pe nun muri'.

 

Torna indietro


Stamme a sentì

di Antonio De Curtis - Falcomata'

C'aggia fà,
si 'o core mio vò bbene a te.
C'aggia dì,
si 'o core tuio me fa suffri'.
Chist'ammore me struie, m'accide
e tu saie pecchè,
sto luntano 'a te,
penzo sempe a te,
dormo e sonno a te.
C'aggia fà,
facimmo pace siente a mme.
C'aggia dì,
si mo me faie muri'.
N'ata vota int' 'e braccia te voglio
abbracciata cu me,
C'aggia fà,
c'aggia di'.
io voglio a te.

Vaco parlanno sulo
c' 'o fele dint' 'o core
e penzo che st'ammore
nun pò fernì accussi'.
Mo è già passato n'anno
che stammo appiccicato,
maie pace aggiu truvato
perciò stamme a senti'.

C'aggia fà,
si 'o core mio vò bbene a te.
C'aggia dì,
si 'o core tuio me fa suffri'.
Chist'ammore me struie, m'accide
e tu saie pecchè,
sto luntano 'a te,
penzo sempe a te,
dormo e sonno a te.
C'aggia fà,
facimmo pace siente a mme.
C'aggia dì,
si mo me faie muri'.
N'ata vota int' 'e braccia te voglio
abbracciata cu me,
C'aggia fà,
c'aggia di'.
io voglio a te.

 

Torna indietro


Me sò scurdato 'e te

di Antonio De Curtis

Tu te stancaste 'e me dint' 'a vernata,
io m'ero già stancato int' a l'esta'...
Dispiette ne facetteme a palate,
e pe dispietto si ghiuta a spusa'.
Tu m'he vuluto bene overamente,
e io pure t'aggio amata 'a verità,
però mo 'e te chiù nun me 'mporta niente,
nun tengo manco o tiempo 'e te penza'.

Me sò scurdato 'e te
e vuò sapè pecchè?
Mo voglio bene a n'ata,
ch'è assaje chiù meglio 'e te!
Na bella 'nnammurata,
ca penza sulo a me.
Tu t'he scurdato 'e me,
io chiù nun penzo a te,
però quanno chell'ata
me vase, io veco te,
e tu si staje cuccata
c' 'o sposo, pienze a me!

Mo tutt'e juorne passe pe 'sta via,
cu na speranza 'ncore e me vedè,
sparagnate 'o disturbo bella mia,
'o vuò capì ca io chiù nun penzo a te.
Nce avive penzà buono int' 'a vernata,
quanno nun ne vuliste chiù sape'...
io m'ero già calmato int'a l'estate
quanno pensaje chest'ata è meglio 'e te!

Me sò scurdato 'e te
e vuò sapè pecchè?
Mo voglio bene a n'ata,
ch'è assaje chiù meglio 'e te!
Na bella 'nnammurata,
ca penza sulo a me.
Tu t'he scurdato 'e me,
io chiù nun penzo a te,
però quanno chell'ata
me vase, io veco te,
e tu si staje cuccata
c' 'o sposo, pienze a me!

 

Torna indietro


I' voglio bene 'e femmene

di Antonio De Curtis

I' voglio bene 'e femmene,
pe me sò tutte belle,
fruttiera 'e chistu popolo,
che s'adda assapura'...
Figliole 'e 'ncopp' 'o Vommero,
Turretta e Margellina,
venite pe Pusilleco,
ve faccio cunzulà!...

Femmene,
femmene, 'e tutta Napule!
Figliole 'e chistu popolo
comme ve voglio amà!
Comme ve voglio amà!
Femmene,
vuje site doce e amabile,
mocca tenite 'o zucchero,
facite cunzulà, facite cunzula'.
Me piace 'a bruna
ch'è sempe chiù scorbutica...
Me piace 'a bionda,
c'attira e sape fà!...
Femmene, belle, cianoiose e sprucete,
nun saccio a chi aggia scegliere,
a chi m'aggia piglià!...

Si accusentesse 'o Sinnaco
comme 'a nu gran sultano,
cu ciento e diece femmene
io me vurria accasà!...
Tre bionde e sette creole,
nu centenaro 'e brune...
I' voglio bene 'e femmene,
femmene 'e tutte età!...

 

Torna indietro


Scettico napulitano

di Antonio De Curtis

So' addiventato scettico
nun credo cchiù a nisciuno
nun credo all'amicizia
manc"a fraternità.
Pe' mme so' tutte frottole
'o bbene, l'affezzione
nun me cuntate storie
sinnò m'aggia nquartà.

Scettico,
so' addiventato scettico
doppo 'n'ammore inutile
e chest'è 'a verità.
Scettico,
mo' 'a gente dice: " E' scettico "
e fanno tanta chiacchiere
nun hanno a che penzà.
Scettico,
so' addiventato scettico
pecchè 'na faccia d'angelo ...
che m'ha saputo fà.
Scettico,
'stu core nun è scettico
sulo vicino a mammena
ca nun mme po' 'ngannà.

'A gente, amici e femmene
so' tutte 'e 'na manera
'a faccia è 'o specchio e ll'anema?
No, nun è 'a verità.
Cu'na faccella ingenua
cu ll'uocchie e 'na Madonna
truvai 'na malafemmena
vestuta'e santità.

 

Torna indietro


Sulo!

di Antonio De Curtis

Comm'a'na varca spersa 'nmiez'o mare
stongo sbattenno'a che te ne si ghiuta,
nun saccio ch'aggia fà, parole amare
vaco parlanno sulo e penso a te;
e penso che t'aggiu voluto bene
comme bene se vò 'na vo-ta sola,
e tu pe' ricumpenza a tanta pene,
le mise int'a 'stu core... ma pecchè?

Sulo!
Songo rimasto Sulo
nun tengo cchiù a nisciuno,
tenevo sulo a te.
Sulo!
'ncopp'a 'stu munno sulo
chisongo mò... song'uno
ca chiagne e chiamma a te.
Sulo!
tu m'e rimasto sulo;
io moro 'e pucundria
e chesto 'o saie pecchè,
sulo,
nun pozzo campà sulo
pecchè 'sta vita mia
apparteneva a te.

'Sta vita toia è tutta 'na buscia
promesse, vase, abbracce e giuramenti,
quanno 'nce penso che malincunia
s'astregne 'o core e dico, ma pecchè?
Pecchè si bella e 'nfama cumm'o mare,
e cumm'o mare si 'na traditora,
tutt'è distrutto, tutt'è cose care,
e 'sta tempesta mò distrugge a me.

Sulo!

Torna indietro