Il padre dello sposo

Il padre dello sposo

di Gianluca Tocci, regia di Gianni Corsi
con Massimo Bonetti, Angela Di Sante, Gianluca Tocci

Tutto sembra essere pronto per le nozze, quando qualcuno bussa alla porta del promesso sposo… è la futura moglie che irrompe al grido di “io non ti sposo più!”.

La commedia ambientata a Roma, nei giorni nostri, vede Cesare (Massimo Bonetti), palazzinaro romano della vecchia guardia, prepararsi con grande emozione ad un evento molto, molto importante: il matrimonio del suo unico figlio.
Sono in atto gli ultimi preparativi e Cesare e Giuseppe si dedicano alla prova del vestito, insomma, gli ultimi ritocchi.

Cesare ricorda sua moglie, che da dieci anni non è più tra loro, ma come si dice, la vita va avanti, e domani è un grande giorno, il giorno in cui Giuseppe (Gianluca Tocci) sposa Camilla (Angela di Sante), con la quale è fidanzato da sette anni.
La sposa è la figlia di uno dei costruttori romani più in auge, uno di quelli a cui il lavoro non manca mai – a differenza di Cesare, la cui azienda invece sembra essere arrivata al capolinea.
I due ragazzi si amano e, a sentire Giuseppe, nulla e nessuno al mondo potrebbe mai separarli…
Ma quando tutto sembra essere pronto, qualcuno bussa alla porta: Camilla irrompe nell’appartamento del suo futuro marito in preda ad una vera e propria crisi. Oscure abitudini caratterizzano il passato del suo fidanzato, pagine di vita di cui lei non sospettava nulla e che ha scoperto poco prima, solo fortuitamente, e grazie alla soffiata di un’amica.
Nella confusione più totale, una frase tuona forte e chiara: Io no ti sposo più!
Cesare, il padre dello sposo, dando prova di grande saggezza, farà di tutto per cercare di mettere a posto le cose.

[Fonte: Teatro de’ Servi]