Michelangelo: Notte

Notte di Michelangelo Buonarroti, Sagrestia Nuova, basilica di San Lorenzo, Firenze
Notte

La Notte è una scultura in marmo (155×150 cm, lunghezza massima in obliquo 194 cm) di Michelangelo Buonarroti, databile al 1526-1531 e facente parte della decorazione della Sagrestia Nuova, un ambiente della basilica di San Lorenzo a Firenze.

In particolare è una delle quattro allegorie delle Parti della Giornata, e si trova a sinistra sul sarcofago della tomba di Giuliano de’ Medici duca di Nemours.

La Notte fu tra le prime sculture ad essere conclusa e godette di una straordinaria fama grazie anche a una nota quartina di elogio di Giovanni di Carlo Strozzi, in cui la statua veniva invitata a svegliarsi per farsi vedere animata:

La Notte che tu vedi in sì dolci atti
dormir, fu da un Angelo scolpita
in questo sasso e, perché dorme, ha vita:
destala, se nol credi, e parleratti“.

Michelangelo rispose nel 1545-1546 con alcuni versi, intitolati “Risposta del Buonarroto“, fatti “pronunciare” alla statua stessa, in cui indicava come il sonno, alla luce dei disordini che imperversavano a Firenze durante il governo di Cosimo I de’ Medici, fosse il motivo della serenità della Notte rispetto all’inquietudine delle altre statue.

[Fonte: Wikipedia]

Articoli correlati: