La fattoria degli animali da trapianto

Animal Farm - La fattoria degli animali
Animal Farm – La fattoria degli animali

La notizia viene da Londra (pubblicata sul Sunday Times): il genetista Lord Robert Winston, massimo esperto britannico in fecondazione artificiale, per risolvere nel giro di un decennio il problema della scarsita’ di organi da trapianto, in attesa (e/o in sostituzione) di ottenere organi dalla crescita delle cellule staminali, tecnica ancora “primitiva” e che solo tra molti anni potrebbe dare i suoi primi frutti, ha pensato ai suini come donatori, avendo organi delle dimensioni giuste che funzionano in modo simile a quelli umani.

La tecnica e’ alquanto semplice: inserendo geni umani nei suini si consentirebbe a quest’ultimi di poter fornire organi da trapiantare agli esseri umani senza il rischio di rigetto; sempre secondo il genetista non vi sarebbe neanche nessun rischio di contagio, ossia di passaggio di virus tra animale e uomo.

Problemi che invece erano sorti verso la fine degli anni Novanta, quando erano stati effettuati i primi tentativi di xeno-trapianto (da animale a uomo), poi, per l’appunto, completamente abbandonati a causa dei rischi di rigetto e di contagio e di alcuni casi finiti con la morte del paziente.

Il progetto di Robert Winston e’ stato sviluppato in stretta collaborazione con la dottoressa Carol Readhead del California Institute of Techonology e prevede che vengano iniettati nei testicoli e nello sperma del suino geni umani: la “produzione” dei suini ogm partira’ tra tre mesi dal Missouri (Usa), vista la scarsita’ di finanziamenti e la legislazione in tema che in Gran Bretagna ed in Europa e’ piu’ restrittiva.

Winston immagina che nel giro di pochi anni possano nascere intere fattorie dove centinaia di suini geneticamente modificati vengono allevati per lo sviluppo di organi da trapianto da prelevare quando l’animale ha compiuto un anno d’eta’.

Articoli correlati: