Giacomo Leopardi: L’infinito

Infinito poesia Giacomo Leopardi

L’infinito

di Giacomo Leopardi

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di la’ da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo; ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Cosi’ tra questa
immensita’ s’annega il pensier mio:
e il naufragar m’e’ dolce in questo mare.

Giacomo Leopardi

Articoli correlati:

Giacomo Leopardi

Il conte Giacomo Leopardi, all’anagrafe Giacomo Taldegardo Francesco di Sales Saverio Pietro Leopardi
Recanati (Macerata), 29 giugno 1798 – Napoli, 14 giugno 1837)
Poeta, filosofo, scrittore, filologo e glottologo italiano. È ritenuto il maggior poeta dell’Ottocento italiano e una delle più importanti figure della letteratura mondiale, nonché una delle principali del romanticismo letterario; la profondità della sua riflessione sull’esistenza e sulla condizione umana – di ispirazione sensista e materialista – ne fa anche un filosofo di spessore.