Isaac Newton

Frasi, citazioni, pensieri, aforismi, sentenze, motti, massime e detti di Isaac Newton

Isaac Newton
Sir Isaac Newton
(Woolsthorpe-by-Colsterworth, 25/12/1642 – Londra, 20/03/1727)
matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teologo ed alchimista inglese

Non credo che l’universo si possa spiegare solo con cause naturali, e sono costretto a imputarlo alla saggezza e all’ingegnosita’ di un essere intelligente.

Posso misurare il moto dei corpi, ma non l’umana follia.

La verita’ si ritrova sempre nella semplicita’, e non nella complessita’ e confusione delle cose.

Se ho fatto qualche scoperta di valore, cio’ e’ dovuto piu’ ad un’attenzione paziente che a qualsiasi altro talento.

Se ho visto piu’ lontano, e’ perche’ stavo sulle spalle di giganti.

Gli autori piu’ moderni, come i piu’ antichi, lottano per subordinare i fenomeni della natura alle leggi della matematica.

Gli errori non sono dell’arte, ma degli artefici.

Cio’ che sappiamo e’ una goccia, cio’ che ignoriamo e’ un oceano!

Quello che sale deve anche scendere.

Da dove proviene l’ordine e la bellezza che vediamo nel mondo?

Io non so come il mondo mi vedra’ un giorno. Per quanto mi riguarda, mi sembra di essere un ragazzo che giuoca sulla spiaggia e trova di tanto in tanto una pietra o una conchiglia, piu’ belli del solito, mentre il grande oceano della verita’ resta sconosciuto davanti a me.

Nessun grande scoperta e’ stata mai fatta senza una ardita supposizione.

Costruiamo troppi muri e non abbastanza ponti.

Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria.

Il tatto e’ l’arte di fare qualcosa senza farsi un nemico.

La cieca necessita’ metafisica, certamente la stessa sempre e dovunque, non potrebbe produrre la varieta’ delle cose. Tutta quella diversita’ delle cose nella natura, che troviamo adatte a tempi e luoghi differenti non puo’ derivare da altro che dalle idee e dalla volonta’ di un Essere che esiste necessariamente.

 


CLICCA PER CONDIVIDERE