Film: Salvate il soldato Ryan

Locandina del film Salvate il soldato Ryan
Locandina del film Salvate il soldato Ryan

Titolo originale del film Salvate il soldato Ryan: Saving Private Ryan
Nazione: Usa
Anno: 1998
Genere: Drammatico/Guerra
Durata: 3h e 10′
Regia: Steven Spielberg
Sito ufficiale: www.rzm.com/pvt.ryan/

Cast: Tom Hanks, Tom Sizemore, Edward Burns, Barry Pepper, Adam Goldberg, Vin Diesel, Giovanni Ribisi, Jeremy Davies, Matt Damon, Paul Giamatti, Ted Danson, Dennis Farina, Joerg Stadler, Max Martini, Dylan Bruno

Produzione: Ian Bryce
Distribuzione: Uip
Uscita prevista: ottobre 1999

Colonna Sonora / Soundtrack:
# Solitude”
Written by Duke Ellington, Irving Mills & Edgar De Lange (as Eddie DeLange)

# “Tu Es Partout”
Written by E’dith Piaf & Marguerite Monnot
Performed by E’dith Piaf
Courtesy of Mercury Records, France
By Arrangement with PolyGram Film & TV Licensing

# “C’Etait Une Histoire D’Amour”
Written by Henri Contet & Jean Jal
Performed by E’dith Piaf
Courtesy of Mercury Records, France
By Arrangement with PolyGram Film & TV Licensing

Il film Salvate il soldato Ryan. Il 6 giugno 1944 il capitano John Miller (Tom Hanks) sbarca con i suoi uomini a Omaha Beach, settore Dog Green. E’ un massacro sotto il micidiale fuoco tedesco.

Il generale George Marshall (Harve Presnell), comandante supremo dell’armata anglo-americana, apprende che la famiglia Ryan dell’Iowa ha gia’ perduto tre figli e che un quarto fratello, James Francis Ryan (Matt Damon), e’ stato paracadutato in Normandia, oltre le linee nemiche. Da’ ordine che sia ritrovato e rimandato a casa.

L’incarico e’ affidato al capitano Miller che, con una squadra composta dal sergente tecnico Mike Horvath (vice-comandante) (Tom Sizemore), i soldati scelti Richard Reiben (mitragliere di supporto) (Edward Burns) e Adrian Caparzo (fuciliere) (Vin Diesel), i soldati semplici Stanley Mellish (fuciliere) (Adam Goldberg) e Daniel Jackson (cecchino) (Barry Pepper), il T/4 Irwin Wade (medico) (Giovanni Ribisi) ed il T/5 Timothy P. Upham (fuciliere/interprete) (Jeremy Davies), parte alla sua ricerca…

Il D-Day come non era mai stato raccontato prima: immagini toccanti e spesso scioccanti soprattutto nei primi venti minuti in cui Spielberg descrive lo sbarco degli alleati in Normandia con dovizia di particolari riprendendo e riproducendo le stesse immagini girate all’epoca.

I minuti iniziali sono senz’altro i migliori del film, con la perfetta ricostruzione storica delle difficolta’ incontrate dagli alleati nello sbarco, mentre in tutta la parte seguente e’ narrata la ricerca, da parte del piccolo plotone guidato dal capitano Miller (Tom Hanks), del soldato Ryan (Matt Damon) che l’esercito americano vuole riportare a casa poiche’ l’unico rimasto in vita di una famiglia composta di quattro fratelli, tutti caduti in guerra.

Sara’ questa la missione piu’ complicata per i soldati del capitano Miller, che perdera’ man mano i suoi soldati in questa spedizione suicida. E la domanda sorge spontanea: ma vale la pena perdere tutte quelle vite per salvarne una soltanto?

Il film Salvate il soldato Ryan puo’ essere diviso in 3 atti distinti:

il 1°: lo sbarco in Normandia, la guerra come carneficina e caos (i primi 24 minuti, da vedere e da sentire);

il 2°: la ricerca del soldato Ryan: apparentemente convenzionale e gia’ vista, ma ricca di problemi e di domande senza risposta;

il 3°: la battaglia nel paesino di Ramelle per salvare il soldato Ryan e tenere un ponte.

Nonostante la presenza di qualche stereotipo tipico di Hollywood (I tedeschi sono nemici, la Francia e’ vuota, la famiglia nordamericana, etc…) il film Salvate il soldato Ryan e’ comunque di forte impatto e bellezza.

Vincitore di cinque premi Oscar, regia (Spielberg), fotografia (Janusz Kaminski), suono (Ronald Judkins, Gary Rydstom, Gary Summers, Andy Nelson), effetti speciali sonori (Gary Rydstom, Richard Hymns) e montaggio (Michael Kahn), il film si fa apprezzare anche per la fotografia e per gli straordinari effetti sonori, che lo rendono ancora piu’ spettacolare.

Salvate il soldato Ryan vinse anche 2 Golden Globe, come migliore film e migliore regia, 2 Premi BAFTA 1999, come miglior sonoro e migliori effetti speciali, il Satellite Awards 1998, come miglior montaggio, il Chicago Film Critics Association Awards 1998, come miglior film e 3 Kansas City Film Critics Circle Awards 1999, come miglior film, miglior regista e miglior attore non protagonista (Jeremy Davies).

———————————————————-

NOTE:

Il vero “soldato Ryan” fu il sergente Frederick Fritz Niland appartenente alla 101ª Divisione aviotrasportata che perse due fratelli, tutti in Normandia, ed il terzo fu creduto morto durante una operazione militare in Asia (in realta’ era stato fatto prigioniero e torno’ a casa alla fine del conflitto).

Sampson scrisse un libro sulla storia di Niland e della 101ª Divisione nel 1958, intitolato Look Out Below!.

Il film Salvate il soldato Ryan aggiunge dunque alcuni particolari che non appaiono nella storia originale: non ci fu una missione di recupero attraverso le linee nemiche, Niland non era un soldato semplice ma un sergente, della morte di due dei tre fratelli ne era venuto a conoscenza personalmente quando si era recato per salutarli ai rispettivi reparti anch’essi impiegati nello sbarco in Normandia, e sua madre non era vedova.

La sequenza dello sbarco fu girata da Spielberg in una spiaggia della costa dell’Irlanda nel giugno 1997, grazie anche allo scenografo Tom Sanders che ricreo’ il tratto di costa simile in tutto alla vera Normandia francese. Spielberg diresse oltre 2 mila comparse.

[Fonte: Film UpMy Movies]