Earth Overshoot day 2015

Il 13 agosto è l’Earth Overshoot Day 2015, il giorno in cui il pianeta ha consumato tutte le risorse naturali a disposizione per il 2015; da domani quindi l’uomo vivrà al di sopra dei propri mezzi in termini ambientali, ossia con una domanda annuale di risorse utilizzate al di sopra di quanto la Terra riesca a generare nell’anno. Questa data arriva purtroppo anche quattro giorni prima di quella del 2014, accrescendo così il nostro debito verso la Terra.

Questo è quanto emerge dai dati del Global Footprint Network, l’organizzazione internazionale che si occupa di contabilità ambientale tramite l’Impronta Ecologica [1] , ossia la misura di quanta superficie in termini di terra e acqua la popolazione umana necessita per produrre, con la tecnologia disponibile, le risorse che consuma e per assorbire i rifiuti prodotti, al fine di supportare le decisioni politiche in un mondo caratterizzato dalla limitatezza delle risorse naturali; lavorano con i governi locali e nazionali, investitori, e opinion leader per garantire a tutte le persone benessere nel rispetto dei limiti del pianeta.

Nel 1995 l’Earth Overshoot Day era stato il 10 ottobre. Nel 1975 era stato il 28 novembre.

 

—————–

[1]  Impronta ecologica: l’Impronta Ecologica è emersa come unità di misura di prim’ordine della domanda di risorse naturali da parte dell’umanità. Essa misura quanta area ecologicamente produttiva, sia terrestre che marina, è richiesta da una popolazione o da un’attività per produrre tutte le risorse consumate e per assorbire tutti i rifiuti prodotti usando le tecnologie e le modalità di gestione prevalenti.

L’Impronta Ecologica è misurata in ettari globali (gha). Poiché il commercio è globale, l’Impronta Ecologica di un singolo o di una popolazione include aree provenienti da qualsiasi parte del mondo. L’Impronta Ecologica è spesso abbreviata con il termine Impronta (e non impronta).

Concepita nel 1990 da Mathis Wackernagel e William Rees dell’Università della British Columbia, l’Impronta Ecologica è oggi ampiamente usata da scienziati, aziende, governi, agenzie, individui, ed istituzioni che lavorano per monitorare l’uso delle risorse ecologiche e promuovere lo sviluppo sostenibile.

 

[2] Overshoot (ovvero sovraccarico, superamento): il superamento globale si verifica quando la richiesta di natura da parte dell’uomo supera l’offerta della Terra, ovvero la sua capacità rigenerativa. Essendo impossibile importare risorse da altri pianeti, un tale superamento porta all’impoverimento del capitale naturale (ossia l’insieme di tutti i materiali grezzi e dei cicli naturali della Terra) indispensabile per mantenere la vita sulla Terra e allo smaltimento dei rifiuti.
Superamenti locali si verificano quando le risorse di un ecosistema locale vengono sfruttate più rapidamente rispetto a quanto si possano rigenerare.