Il bacio (Francesco Hayez - 1859)

Curiosità sul bacio

Il bacio è un gesto le cui origini si perdono nella notte dei tempi e al quale ognuno dedica in media due settimane della propria vita, più o meno 336 ore. Non si sa quindi chi furono i primi a scambiarselo, ma si è scoperto chi furono gli ultimi: sembra gli abitanti di Mangaia, l’isola più meridionale dell’arcipelago delle Isole Cook nel Mar Pacifico, che non ne avevano mai sentito parlare fino all’arrivo degli inglesi nel 1700.

Con il bacio si scambiano molte informazioni sul proprio modo di essere, molti ormoni e fino a 278 diversi tipi di batteri, dei quali il 95% risultano comunque non essere pericolosi: uno studio del 2003 del Dipartimento di malattie allergiche dell’Ospedale di Ujitakeda, in Giappone, ha dimostrato per questo che il baciare migliora addirittura la resistenza agli allergeni.

Attualmente si ritiene che scientificamente il bacio abbia anche la funzione di cercare un partner con sistema immunitario diverso dal proprio al fine, in termini evolutivi, di favorire il riassortimento genico e aumentare le probabilità di sopravvivenza della prole.
Esiste inoltre una scienza che studia il bacio nei suoi vari aspetti: la filematologia.

Il bacio è un’importante fonte di contatto fisico fra due persone ed è per questo che assume diverse caratteristiche e significati a seconda del contesto, ed oggi è diventata in molte culture del mondo una comune forma di espressione di affetto, amicizia, rispetto, saluto, etc…

La Giornata mondiale del bacio si celebra il 6 luglio di ogni anno e nasce dall’International Kissing Day che si tiene in questo giorno nel Regno Unito (dove viene chiamata anche National Kissing Day o semplicemente Kissing Day); in questa giornata si celebra il bacio in quanto tale, naturalmente senza convenzioni né norme sociali: ogni tipo di bacio, quindi, come quello tra due persone che si amano, il bacio di conforto, il bacio dei genitori ai figli, etc….

Venne scelto questo giorno, in quanto il 6 e il 7 luglio del 2005 nel Regno Unito si stabilì il record per il bacio più lungo del mondo: trentuno ore e trenta minuti. Da allora è rimasta sempre questa data. Non è rimato invece il record, che oggi appartiene a una coppia tailandese, Ekkachai e Laksana Tiranarat, che nel 2013 (12-14 febbraio) hanno tenuto le labbra incollate per oltre due giorni di fila: 58 ore, 35 minuti e 58 secondi.

In Spagna, tuttavia, la Giornata del bacio si celebra il 13 aprile di ogni anno, mentre il 6 luglio viene celebrata quella del bacio rubato: d’altronde come disse Guy de Maupassant “Un bacio legittimo non vale mai un bacio rubato“.

 

Altre curiosità sul bacio.

Il tipico bacio degli innamorati è il bacio alla francese (detto anche bacio alla fiorentina, spesso nominato in modo gergale pomicio, pomiciare, limonare o limonata), che consiste nel leccare la lingua del partner con la propria e nello scambiarsi, quindi, emozioni che coinvolgono in maniera molto forte. Questo bacio è, di solito, accompagnato da uno scambio di morsi molto leggeri sulla bocca e sulle labbra, ed è quasi sempre scambiato ad occhi chiusi. Può arrivare a durare anche per molti minuti. Il bacio alla francese è un avvicinamento all’atto sessuale vero e proprio, ovvero uno dei cosiddetti preliminari, e spesso i più giovani iniziano a scoprire il sesso tramite questo tipo di bacio.

Limonare è un’espressione di origine lombarda entrata nel linguaggio italiano comune. Sulla sua origine, come spesso capita, ci sono diverse versioni: una sostiene che derivi dal fatto che prima i venditori ambulanti vendessero i limoni a due a due, un’altra, invece, che allude al movimento della mano nello spremere i limoni.

Secondo uno studio condotto da ricercatori irlandesi, l’80 per cento delle persone bacia girando la testa verso destra, indistintamente se si bacia un altro essere umano o una bambola a grandezza naturale.

Negli sms (e non solo) i baci sono spesso rappresentati da una X; questo, tra le varie ipotesi, potrebbe derivare dall’usanza della maggior parte delle persone analfabete del Medioevo che, in segno di sincerità del loro gesto, baciavano il foglio dove avevano firmato con una X.

Fino agli anni 60 negli Stati Uniti era vietato mostrare baci interrazziali sullo schermo: quando cadde il divieto il primo bacio si consumò in un episodio di Star Trek, tra il capitano Kirk (William Shatner) e il tenente Uhura (Nichelle Nichols, al secolo Grace Dell Nichols). All’inizio la sceneggiatura prevedeva che a baciare l’attrice Nichelle Nichols fosse il tenente Spock (Leonard Nimoy).

 

Proverbi sul bacio:

Bacio di bocca, spesso il cuor non tocca.

Donna baciata mezza guadagnata.
Uomo baciato mezzo guadagnato.

I baci sono come le ciliegie, uno tira l’altro.

Il bacio senz’anima non vale nulla.

Un bacio affettuoso non ammette curiosi.

Un bacio non fa buco, ma è scala per arrivare in fondo.

 


CLICCA PER CONDIVIDERE