All’anno novo di Checco Durante

All'anno novo di Checco Durante

ALL’ANNO NOVO
di Checco Durante

Anno che nasci: si voi avecce un vanto,
nun ce devi portà dolori e pene
devi portà sortanto
un’epoca de bene,
un’epoca de pace,
e soprattutto devi fa capace
‘sta pora umanità scema e traviata
d’apprezzà quanto ar monno c’è de bello
quanto ar monno ce stà p’esse felice.
Tant’omini de quelli cor cervello,
de quelli che se dice
che so geni, non hanno che inventato
cannoni, bombe atomiche, li gasse
e tant’altri ingredienti p’ammazzasse,
cosa che te dimostra, e fa vergogna,
che l’omo more si nun cerca rogna.
‘Sto poro mezzo secolo passato
è stato insanguinato!
Speramo armeno che da tante pene
ne scaturisca un bene!
Speramo che la gente
se scordi ogni rancore
e se possa convince finarmente
che la felicità sta nell’amore.
« Volesse bene». E’ questa la ricetta
che nun se sbaia mai,
che fa trovà la vita benedetta,
che sa fa superà tutti li guai.
Caro anno novo mio si ce sai fa
fallo entrò in testa tu all’umanità.
Se riuscirai a fa questo
diremo che sei stato un anno onesto,
un anno senza pene e senza guai…
e quanno morirai.
noi resteremo co’ la bocca amara
come chi perde ‘na persona cara.